mercoledì 17 febbraio 2010

Più di una semplice carbonara : con acciughe, pistacchi e tartufo bianco


La carbonara è sicuramente uno dei piatti più famosi e cucinati.
Le sue versioni, le varianti sono davvero sterminate : chi usa uova intere, chi solo tuorli, chi aggiunge latte o panna, ecc....
Io ho sempre trovato affascinante quella salsina di uova che avvolge la pasta, ben diversa dalle simil frittate di una carbonara venuta male.
Più volte ho guardato con ammirazione questa "versione" che ho letto sul libro di "Aimo e Nadia" della Giunti e mi ha sempre incuriosito ed intrigato molto : il sapore dell'acciuga che incontra quello del Parmigiano, con la ricchezza del tartufo e dei pistacchi.
Una volta tanto, sono stata abbastanza fedele alla ricetta e l'unica variante riguarda le acciughe, che nella ricetta originale sono sotto sale e vengono aggiunte alla miscela di uova, io invece le ho sciolte molto dolcemente in padella, semplicemente perchè uso quelle sott'olio e non mi piaceva tantissimo l'idea di mettere dell'olio nel composto di uova.
Per il resto, credo di essere stata sufficientemente rispettosa, anche perchè è un vero capolavoro e quindi non potevo aggiungere davvero niente altro !!!

Ingredienti per 2 persone : 150 gr. spaghettoni in Senatore Cappelli - 3 filetti di acciuga sott'olio - 1 uovo intero - 20 gr. Parmigiano Reggiano stravecchio grattugiato - 10 gr. pasta di tartufo bianco - 10 gr. pistacchi naturali tostati - 1/2 spicchio di aglio - 2 cucchiai di olio e.v.o. fruttato intenso - sale - pepe nero

Procedimento
Lessate la pasta in abbondante acqua salata. Nel frattempo rosolate molto dolcemente l'aglio, tagliato a metà e privato dell'anima, nell'olio. quindi scioglietevi le acciughe, sempre su fuoco bassissimo, così che non brucino, altrimenti cambia il sapore.
Bagnate con qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta. Togliete dal fuoco ed eliminate l'aglio. In una tazza amalgamate l'uovo al formaggio, al tartufo e profumate con un pizzico di pepe nero macinato al momento. Tagliate a metà i pistacchi.
Scolate la pasta al dente e saltatela nel condimento di acciughe, tenendo la padella su fuoco basso. Se fosse necessario, bagnate con qualche cucchiaio di acqua di cottura. Quindi togliete dal fuoco e vesate sulla pasta il composto di uova, mescolando continuamente in modo che non tocchi la padella direttamente la padella e così non coaguli.
Unite anche i pistacchi, tenendone qualcuno da parte per la decorazione finale. Poi rimettete su fuoco dolcissimo per un minuto e fate addensare la salsa, che appunto si deve solo addensare e non coaugulare, quindi continuate a mescolare. Servite subito in piatti individuali.

12 commenti:

  1. Un piatto davvero gustoso e saporito!!! mmmmmm....

    RispondiElimina
  2. Interessante, acciuga al posto della pancetta, mmmm
    Non so immaginare l'aggiunta di tartufo: ma non viene un po' ucciso dall'acciuga?
    Comunque da provare :-)

    RispondiElimina
  3. Ma che bontà....già amo da impazzire la classica carbonara che sulla mia tavola si trova piuttosto spesso....così dev'essere uno spettacolo!!!!! Grazie! Un bacione, Paola

    RispondiElimina
  4. e la tua variante è davvero favolosa... complimentissimi!
    immagino che sapore :-P

    RispondiElimina
  5. favoloso!!!
    Che accostamento di sapori!

    RispondiElimina
  6. che piatto! chissà che sapori! buono!

    RispondiElimina
  7. Davvero ricercato il gusto di questa carbonara! non tiusciamo proprio ad innaginare il sapore del tartufo con le acciughe...ma ci èiacerebbe provarla!!
    un bacione

    RispondiElimina
  8. Ciao, davvero un piattino gustoso e originale...complimenti per la ricetta...un bacio Luciana

    RispondiElimina
  9. Quello spaghetto bavoso è ai limiti del minaccioso...davvero trooooppo invitante!

    RispondiElimina
  10. Che buona che dev'essere questa versione rivisitata della classica carbonara!!! Bravissima!!! Mi piace l'abbinamento degli ingredienti che hai usato!!! Complimenti!

    RispondiElimina
  11. Un accostamento di sapori succulento e interessante per una variante davvero innovativa della carbonara. Un piatto conosciuto da tutti questa pasta ma certamente di non semplice esecuzione, con le tue divagazioni di sapore diventa proprio notevole! Brava!
    Deborah

    RispondiElimina
  12. Federica : grazie mille !!!

    Corrado : l'acciuga non "soffoca" il tartufo, ma ritengo che con la sua salinità lo esalti e lo faccia sentire maggiormente. Poi ovvimanente è sempre importate rispettare gli equilibri. Troppa acciuga in effetti coprirebbe il sapore. Ma usata nelle giuste proporzioni è una compagna perfetta. In fondo, anche nella tradizione italiana sono numerose le salsine anche per crostini a base di tartufo (di solito nero) e acciuga. E' sicuramente da provare !!!

    Paola : hai ragione, è un piatto saporitissimo e veloce veloce !!! Un miracolo in cucina !!

    Betty : grazie, io l'ho trovata davvero gustosa.

    Alem : grazie, in effetti è un pò diverso dal solito !!

    Acquolina : a noi piace molto, ed infatti l'ho già fatto più di una volta !!

    Manu e Silvia : grazie mille. Anche a voi, la consiglio !!

    Luciana : grazie tantissime, un bacio anche a te !!

    Virginia : lo scopo c'era .... e in effetti non ha tradito !!!

    Luna : è un pò più nobile e sciccosa .. ma ogni tanto ci vuole in cucina !!

    Deborah : In effetti i piatti apparentemente più semplici a volte nascondono delle insidie. E questo piatto ne è la dimostrazione !!! Ma se viene bene è così buono .. grazie tantissime !!!

    RispondiElimina

La parola a Voi ...

Related Posts with Thumbnails