Sbrisola ... di casa mia


Mi piacciono le torte soffici, ma il mio vero amore è per gli impasti sbriciololoni, croccanti e con sensazioni burrose. Sarà forse un retaggio culturale o forse il fatto che fin da bambina ho sempre mangiato questa strana torta, che ha il vantaggio di non avere problemi di lievitazione ed è pure veloce da preparare. E poi ha quel sapore di mandorle e farina di mais che trovo disarmante. Non sarà un dolce da grande chef, ma ha quella territorialità e naturalezza che solo le torte di casa sanno avere. Eppure comprarla buona non è cosa semplice : certo, c'è chi la sa far bene ... ma la maggior parte delle sbrisolone che si trovano in circolazione non meriterebbero questo nome. Va bene che c'è usanza di chiamarla torta dura, ma nel senso che non si può affettare, non che non si riesce a mordere da tanto che è dura !!!

Ingredienti : 100 gr. farina bianca - 100 gr. farina gialla fine - 100 gr. zucchero - 110 gr. mandorle (80 gr. tritate, 30 gr. intere con la buccia) - 100 gr. burro morbido - 1 tuorlo d'uovo - buccia di limone grattugiata - un pizzico di vanillina - un pizzico di sale
Procedimento
Le mandorle che vanno tritate, io le ho sbollentate per 1-2 minuti in acqua bollente, le ho scolate e poi spellate. Quindi le ho asciugate in forno per una decina di minuti. Le ho fatte raffreddare ed infine tritate (meglio se le pestate con il mortaio, come voleva la tradizione).
Poi mescolate le farine con lo zucchero, le mandorle tritate e la vanillina. In un'ampia terrina fate la fontana con il mix di farina e disponete al centro il burro, il sale, la buccia di limone grattugiata e il tuorlo. Amalgamate tutto molto velocemente con la punta delle dita, ottenendo dei granuli grossi. Coprite con pellicola e fate riposare il composto per una notte ( a me piace far riposare i composti per lungo tempo, così che l'umidità venga ben assorbita; potete ovviamente ridurre il tempo di riposo, che deve essere però di almeno 3 ore). Il giorno successivo scaldate il forno a 180°. Imburrate e cospargete di farina gialla una teglia rotonda di 22 cm.
Versate il composto preparato, disponetevi sopra le mandorle intere e cuocete per quaranta minuti circa, sino a doratura. Tirate fuori dal forno e fate raffreddare prima di servire.



Consigli di degustazione

Questa torta può essere mangiata così da sola, rotta con le mani, o spruzzata con un pò di grappa. Non ci pensate nemmeno a tagliarla con il coltello ... è bello romperla e mangiarla così !!! Oppure potete accompagnarla con una crema al mascarpone, come consiglia Sadler nel suo libro di dolci "Le ricette per il Dolce", in cui prepara una sbrisolona "alternativa" (un pò diversa dalla nostra tradizione, data la presenza delle arachidi) con questa deliziosa crema.
Ingredienti per la crema : 2 tuorli d'uovo - 40 gr. zucchero - 40 gr. mascarpone - 50 gr. panna montata - 15 gr. caffè liquido - cannella in polvere
Procedimento : In una ciotola, montate i tuorli con lo zucchero, utilizzando le fruste elettriche. Unitevi anche il caffè tiepido ed un poco di cannella. Montate sino ad ottenere un composto bello sodo. Quindi aggiungete il mascaporone, sempre montando. Montate anche la panna ed unitela a cucchiaiate con un mestolo di legno al composto di mascarpone, mescolando dal basso verso l'alto per non smontarla.
Quindi riponete in frigorifero coperta con pellicola sino al momento dell'utilizzo.
Servite la sbrisolona con la crema spolverando, se volete, con zucchero a velo e cannella in polvere.

Commenti

  1. La sbrisolona mi piace moltissimo, romperla e inzuppare i pezzettini nella crema! Cosa mi hai fatto ricordare....mi annoto la ricetta!Complimenti, sia per la ricetta che per il blog è sempre un piacere passare da te!!Buona domenica, saluti Manu.

    RispondiElimina
  2. la devo provare prima o poi, la tua pare ottima !!!

    RispondiElimina
  3. Noi preferiamo le classiche torte focaccia rigorosamente fatte in casa: semplici, genuine e non pasticciate!
    La sbrisolona rientra tra queste: croccante, con la frutta secca e dolce al punto giusto!
    un bacione

    RispondiElimina
  4. Buona, veloce e durevole (cioè nel senso che si conserverebbe per un po'...ma da noi finisce così presto)!

    Poi in ogni casa c'è una ricetta diversa, come per tutti i piatti della tradizione.

    Questa la mia (o meglio della mia mamma):
    http://lapanificatricefolle.blogspot.com/2008/10/la-sbrisolona.html

    RispondiElimina
  5. una vera bonta iresisitibile davvero,troppo brava!!baci imma

    RispondiElimina
  6. Concordo con tutto quello che hai detto...sarò un po' di parte ma anch'io la trovo deliziosa...Un bacio. paola

    RispondiElimina
  7. Federica : grazie grazie

    Manuela : grazie. Sei davvero molto dolce. Contraccambio il complimento !!! Un abbraccio

    Fairyskull : se ti capita, te la consiglio vivamente !!!

    Manu e Silvia : piacciono anche a me questi dolci, si inizia la giornata o ci si regala un momento di coccola puro !!!

    Barbara : l'hai detta giusta ... durerebbe .. ma non dura !!! Adesso vado a vedere come la fai tu (non so quante ricettine ho fatto .. e mi piace sperimentare anche altre versioni. La migliore è sempre dietro l'angolo ...).

    Imma : grazie a te. Un abbraccio

    Paola : e se non siamo di parte noi, chi potrebbe difenderla e "sponsorizzarla" ??

    RispondiElimina
  8. Oddio la sbrisolona col mascarpone la batte solo la sbrisolona con la doppia panna! Che buona! Io la faccio raramente perchè in casa piace solo a me, e se la faccio me la finisco in un attimo!

    RispondiElimina

Posta un commento

La parola a Voi ...

Post più popolari