Biscotti con nocciole, cioccolato e mirtilli rossi


Oggi è un giorno alquanto uggioso ... a voler essere positivi !!!
Ed è proprio in una giornata come questa che è piacevole provare (ma intanto lo sappiamo) quanto è bello stare in cucina. Si potrebbe parlare di una vera "cooking therapy". Perchè la cucina, con i suoi tempi, ci obbliga a fermarci e ad aspettare : il lievito ha bisogno di tempo per maturare, la gelatina per solidificare; una polenta per cuocere ed i fagioli per diventare morbidi, la pasta per diventare elastica ... così via ....
E ci insegna il piacere della ricerca, della scoperta e dell'assaporare. Sempre con calma e lentezza ...

Ingredienti
: 200 gr. farina 0 (poi ne aggiunti 1-2 cucchiai) - 110 gr. zucchero semolato - 30 gr. gocce di cioccolato - 50 gr. nocciole tostate con la pelle - 20 gr. mirtilli rossi secchi - 10 gr. burro fuso - 1 uovo grande + 1 tuorlo - 1 cucchiaino lievito vanigliato - 1 pizzico di sale - 1 cucchiaio Cointreau - 1 uovo per spennellare
Procedimento
Tostate le nocciole in forno a 150° per 10 minuti. Setacciate la farina con il lievito. Montate l'uovo con il tuorlo sino ad avere un composto chiaro, gonfio e spumoso; unite anche lo zucchero ed un pizzico di sale. Quindi aggiungete il burro fuso ormai freddo. Incorporare gradatamente la farina con il lievito. Infine aggiungete il liquore e per ultimi le gocce di cioccolato con le nocciole ormai fredde ed i mirtilli. Amalgamate bene tutto. L'impasto dovrà essere un pò appiccicoso. Con le mani infarinate, dividete il composto in due e ricavate due salsicciotti larghi circa 4 cm. . Disponeteli su una teglia coperta con carta forno. Spennellateli con l'uovo sbattuto per dorarli ed infornate a 180° in forno caldo per 25 minuti. Tirateli fuori dal forno e fateli intiepidire qualche minuto prima di tagliarli diagonalmente. Nel frattempo abbassate la temperatura del forno a 150°/160°. Quindi disponeteli sulla carta forno dalla parte del taglio e cuoceteli per 10 minuti. Quindi girateli dall'altra parte e dorateli per altri 10 minuti. Tirate fuori dal forno e fate raffreddare i biscotti su una gratella. Una volta freddi, si conservano per molti giorni in un contenitore a chiusura ermetica o in una scatola di latta.

Ma intanto non durano .....


Commenti

  1. che meraviglia questi simil-cantucci arricchiti! e poi sono i veri bis-cotti, ovvero cotti due volte :-) e cosa dire della cooking-therapy? su di me fa miracoli...

    RispondiElimina
  2. E' vero la "cooking therapy" come dici tu, fa bene allo spirito oltre che allo stomaco!Questi biscotti hanno un aspetto meraviglioso. Saluti Manu.

    RispondiElimina
  3. mi piace l'idea di aggiungere il mirtillo rosso, complimenti

    RispondiElimina
  4. mi prendi per la gola...mmmm...veramente deliziosi!

    RispondiElimina
  5. La cooking therapy è una delle più efficaci per risollevare il morale: è una terapia creativa che estende i suoi benefici anche a coloro che ci vivono accanto.
    Unico effetto collaterale: la linea, ma con un po' di attenzione si può contenere ...
    Mi piace l'idea dei mirtilli rossi in questi biscotti :))

    RispondiElimina
  6. Che voglia di biscotti in questi giorni!!!

    RispondiElimina
  7. "Ma intanto non durano ....."
    ...giusto!infatti io ne prenoto subito un bel po' :):)

    ...che bello leggerti oggi:la giornata autunnale era proprio adatta a questo post! :) un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. Anche io credo nella cooking therapy, la sera quando torno distrutta dal lavoro mi butto in cucina senza neanche togliermi le scarpe, e mio marito che mi dice sempre di fermarmi un attimo a respirare non ha ancora capito che sentire gli impasti tra le dita o creare nuovi profumi è il mio relax più vero.. E per questi biscotti utti da sgranocchiare.. Brava.. si si, sei decisamente "autorevole"!! Eh eh.. Baci!

    RispondiElimina
  9. che ottima alternativa al classico cantuccio...poi io preferisco le nocciole,per cui...perfetta!!!

    RispondiElimina
  10. calma e lentezza... quanto hai ragione...
    calore e profumi che ti entrano nel cuore :) molto belli questi biscotti... ti auguro una giornata serena

    RispondiElimina
  11. io utilizzo al cucina sopratutto come terapia e antristress poi ovviamente pappo anche tutto!!deliziosi questi biscotti sono troppo golosi!!bacioni imma

    RispondiElimina
  12. salsadisapa : è proprio vero. La cucina permette di arricchirsi in tutti i sensi !!!

    Manu : grazie. A me piace moltissimo farli. E quando voglio "pasticciare un pò (visto che ci si sporca le mani) so già cosa fare !!!

    Gunther : alla fine ho trovato un bel modo per usarli, visto che è stato un'acquisto di impulso che ho fatto un pò di tempo fa .. ma che ancora non sapevo bene come collocare. Una bella variante all'uvetta !!!

    Federica : sono anche io molto golosa ....

    Lenny : è tutta una questione di autocontrollo ... io preparo con l'idea che poi mangia tutto mio marito, ed invece, a suon di piccole briciole, continuo a spiluccare io ...comunque cerco sempre di compensare. Certo .. se dovessi mangiare seguendo esclusivamente la gola ... sarebbe tragico ...
    E così cerco sempre di fare piccole dosi .. per limitare i danni ... ma d'altronde bisogna pur avere qualche vizio ..

    Virginia : li ho rifatti oggi per i miei genitori .. mi sento un pò un biscottificio !!!

    Marzia : grazie per il bel complimento. Spero sempre di riuscire a trasmettere qualche sensazione !! E i biscotti sono già finiti ... l'avevo detto che non duravano ...

    Vicky : grazie. In fondo il limite fra passione ed ossessione a volte è molto sottile e a chi ci osserva da fuori può non essere "chiaro". E comunque questa è davvero una "passione-ossessione" sana ... è il nostro è un gran bel vizio !!!

    Dauly : è un pò rivisitato. Ma in fondo facendolo "passare" attraverso i nostri gusti, lo rendiamo più adatto a noi. Come una scarpa che ci calza perfettamente !!! Brutto argomento le scarpe .... che sono una graaande debolezza per me !!!

    Tibia : grazie mille. E' rinomato che io mi senta una moderna lumachina .. ma quanto mi piace esserlo !!

    Imma : E ti pare che cuciniamo senza asseggiare ??? Ma non si può .... ma non si deve .... tutta la fatica per poi non poterne godere ??? Diciamo che assaggiamo piccole quantità ... piccole briciole ... (.. insomma ...).

    RispondiElimina

Posta un commento

La parola a Voi ...

Post più popolari