Tortino di topinambour con tuorlo d'uovo impanato e fritto


Dopo un pò di piatti tradizionali, rassicuranti .. e diciamo pure normali, avevo una voglia irrefrenabile di cucinare una cosina un pò più strana, non tanto nei sapori, quanto nella realizzazione. Da moltissimo tempo osservavo con un certo interesse la preparazione di un uovo fritto (solo tuorlo) che ammiravo sul libro di Cracco - Sapori in Movimento edito da Giunti.
Sul libro questa preparazione di uovo (che peraltro non è nemmeno difficile da fare) è accompagnata da una insalatina di legumi (cicerchie, lenticchie, fagioli risina e ceci). Ma non avendo la disponibilità di tutti questi legumi (ma soprattutto il tempo e la voglia di cuocerli), l'ho accompagnato ad un tortino di toponambour, che avevo proprio voglia di mangiare.
Ma concentriamoci sul tuorlo, che è la cosa interessante : come si può fare per impanarlo e friggerlo ?? Semplice, basta congelarlo !!! E la consistenza finale sarà quella di un tuorlo cotto ma ancora morbido al centro ... delizioso !!!!

Ingredienti per 2 persone
Per l'uovo fritto : 2 tuorli - 50 gr. pancarrè - 1 uovo intero - olio per la frittura (preferibilmente extravergine di oliva) - scaglie di fior di sale
Per il tortino di topinambour : 300 gr. topinambour - sale - pepe nero - 1 cucchiaio parmigiano reggiano grattugiato - olio e.v.o. - zenzero (1 pezzo di radice fresca e un pizzico in polvere) un pizzico di prezzemolo tritato - 100 gr. ricotta vaccina - qualche cucchiaio di brodo vegetale
Per decorare : alga nori tostata (molto facoltativa, a me piaceva l'idea di mettere qualcosa di verde brillante e croccante attorno .. un uso molto alternativo)
Procedimento
Separate gli albumi dai tuorli e congelate questi ultimi nel freezer (su carta fiorno, così non si attaccano). Togliete la crosta al pancarrè e frullatela per qualche minuto, in modo da tritarla molto finemente. Sbattete leggermente l'uovo intero (per amalgamare albume a tuorlo) e passatevi i tuorli congelati; impanateli nel pane grattugiato e fate due passaggi. Io ho fatto i due passaggi uno dopo l'altro, ma forse vi conviene rimettere in frezzer per mezz'ora i tuorli, fra un passaggio e l'altro, in modo da consolidare l'impanatura. Dopo il secondo passaggio, rimettete nel freezer per 6 ore. Friggete i tuorli congelati per 2 minuti in olio bollente (si consiglia olio extravergine di oliva portato ad una temperatura di 160°-180°); scolateli ed asciugateli su carta assorbente. Prima di servirli, salateli con del fior di sale.
Per il tortino : sbucciate e tagliate a fette i topinambour. Sbollentateli per 3 minuti in acqua bollente salata con dentro 3 pezzetti di radice di zenzero pulita. Scolateli e fateli raffreddare su un piatto. Imburrate degli stampi da creme caramel e ricopriteli con carta da forno bagnata ed asciugata. Distribuitevi il topinambour a strati alternandoli a una salsina ottenuta mescolando ricotta setacciata e mescolata con qualche cucchiaio di brodo vegetale, un pizzico di zenzero in polvere, il prezzemolo, sale, formaggio grattugiato e pepe nero. Cuocete il tortino in forno caldo a 190° per15/20 minuti circa.
Servite il tortino, dopo averlo sformato con sopra il tuorlo fritto.
Poi io ho decorato con piccoli rettangoli di alga nori tostata in forno per qualche minuto.

Commenti

  1. Stupendo. Il tuorlo fritto me lo studiavo anch'io qualche giorno fa...
    E poi i topinambur...quest'anno devo ancora prenderli...li adoro!

    RispondiElimina
  2. interessantissimo questo tuorlo fritto!

    RispondiElimina
  3. wow... ma sai che è proprio interessante la preparazione di quest'ovetto??? prendo appunti... baciii.

    RispondiElimina
  4. Ma dai, il tuorlo fritto!!! Che sfizio! Quanto ai topinambur, grazie di avermeli ricordati: mi ripeto sempre che devo prenderli e poi me li dimentico!

    RispondiElimina
  5. Anch'io pensavo al tuorlo fritto, ma pensarci e' un conto, mentre decidersi a farlo... Devo, devo, devo.
    E il tortino pare squisito! (a parte l'alga che proprio non mi e' simpatica).
    Ma dove le trovi le idee?

    RispondiElimina
  6. Virginia : è sempre affascinante quello che si può fare con l'uovo. E' così versatile e modellabile .. I topinambour piacciono molto anche a me, ma chissà perchè li cucino sempre poco. Non sono come le patate, che in casa non mancano mai !!

    Marta : grazie mille !!

    Betty : è particolare ed ovvia al tempo stesso. E poi anche l'occhio vuole la sua parte, ed un tuorlo fritto è decisamente originale.

    Onde : piacciono molto anche a me, con quel sapore un pò di carciofo. Anche gratinati al forno sono una meraviglia !!!

    CorradoT : Quante cose abbiamo in mente .. e soprattutto quanto ci stanno .... Ma se dobbiamo abbinare la disponibilità dei prodotti, con la voglia del momento, con il ricordo giusto .. diventa tutto più complicato !! - Non ti preoccupare : anche il mio consorte non impazzisce per le alghe .. non parliamo del sushi .. ma ogni tanto porta pazienza ...

    RispondiElimina
  7. Geniale: è un po' il metodo del gelato fritto cinese (forse faccio un torto al grande Cracco, ricorrendo a questo paragone!).
    Fantastica l'idea del tortino di topinambour: ho assaggiato l'anno scorso questo tubero ed è stato amore :))

    RispondiElimina
  8. Il topinambur mi tenta sempre ma poi non lo prendo mai, non so bene che gusto ha e di conseguenza non saprei come cucinarlo.. questa potrebbe essere un'idea!! Grazie!

    RispondiElimina
  9. che originale!!!bella idea per stupire gli ospiti!
    prendo nota....

    RispondiElimina
  10. Adoro i topinambur e ti dirò di più: quando, in questo periodo vado per i campi, e vedo quelle "margherite gialle" tanto odiate dai contadini perchè "infestanti", io scavo e ne raccolgo il tubero: il topinambur appunto.
    Per il tuorlo d'uovo impanato e fritto dovrò attivarmi, la mia cucina manca della nota "raffinata"....noblesse oblige!!
    Ciao Manu buon week!!

    RispondiElimina
  11. Ciao! i topinambur non li abbiamo mai assaggiati! certo che qui la fantasia non ti manca per gli antipastini stuzzicanti eh??!! bravissima davvero!!
    bacioni

    RispondiElimina
  12. Lenny : e tu mi hai dato una gran bella ispirazione, ricordandomi il gelato fritto cinese, non avevo pensato alla similitudine. Anche io ho scoperto il topinambour in tarda età, ma mi ha subito conquistato. Trovo abbia un sapore nuovo, ma familiare al tempo stesso.

    Vicky : il sapore è una via di mezzo fra una patata ed un carciofo (più o meno). In effetti è un pò bruttino .. tutto bitorzoluto. Si può usare anche per dei purè con le patate, gratinato al forno, con panna o besciamella o per delle creme e vellutate.

    Dauly : stupore e paura iniziale assicurati !!!

    Solidea : vuoi dire che il topinambour cresce spontaneo nelle nostre campagne ?? Vedi quante cose si imparano ... io non sono esperta (purtroppo) di fiori e piante e girando non sono in grado di riconoscere nulla. E questo mi fa sentire un pò aliena sulla mia terra. Ma mi ha incuriosito molto, ed ora vado a cercare qualche informazione su questa bella margheritina gialla. Buon fine settimana anche a te.

    Manu e Silvia : Io ve li consiglio spudoratamente (poi magari non piacciono .. è anche una questione di gusto). E poi è bello cercare di dare allegria in cucina !!! Grazie mille. Baci

    RispondiElimina

Posta un commento

La parola a Voi ...

Post più popolari