Rose di pasta ripiene di macco di fave con crema di pecorino e guanciale

La mia cucina in onore della primavera continua e questo le rende decisamente onore : le fave certo sono ancora quelle secche. E il risaldamento in casa parte ancora, ma per il momento ci possiamo accontentare.
Questo tipo di pasta, a forma di rosa (per i romantici) o a forma di girella è divertente e pratica da fare : non dovremo perdere tempo a ritagliare e a chiudere più ravioli, perchè è come se ne facessimo uno unico con una grande e veloce sigillatura. E non temete che la rosa si apra o perda di forma in fase di cottura, perchè questo non succede (almeno .. a me non è successo, quindi potete stare tranquilli - tiene benissimo la forma).
Ed è un modo decisamente originale e diverso dal solito, per stupire senza avere delle abilità da grande chef !!!
Cosa c'è di più bello che regalare un fiore, anche in cucina ???

Ingredienti per 2 persone
Per la pasta : 1 uovo - 80 gr. farina 0 - 25 gr. semola di grano duro - un pizzico di sale - 1 cucchiaio di olio e.v.o.
Per il ripieno : 80 gr. fave secche - 1/2 porro - sale - olio e.v.o. - erbe aromatiche (prezzemolo, basilico, timo) - pepe - 2 cucchiai ricotta di pecora - 1 cucchiaio di pecorino - qualche cucchiaio di latte
Per la crema : 4 cucchiai di pecorino stagionato - 2 cucchiai di latte - una noce di burro - pepe nero
Per il guanciale : 2 fette di guanciale
olio e.v.o. - un pizzico di buccia di limone grattugiata

Procedimento
Ammollate le fave per una notte. Il giorno seguente, scolatele.
Rosolate dolcemente in un tegame il porro affettato sottimente con 3-4 cucchiai di olio, 2 foglie di basilico e un rametto di timo. Poi eliminate gli aromi e unitevi le fave e fatele insaporire per qualche minuto, mescolando per non farle attaccare. Salate. Coprite a filo con acqua fredda e cuocete per 30-40 minuti (fino a quando si disfano, creando una sorta di purea). Se necesario aggiungete altra acqua. Alla fine comunque dovrete ottenere una purea bella asciutta.
Togliete dal fuoco e passate al setaccio il composto, quindi unitevi la ricotta anch'essa setacciata. Insaporite con un pizzico di prezzemolo tritato, un poco di basiliso spezzettato e qualche fogliolina di timo. Aggiungete anche il pecorino. Se fosse necessario ammorbidire il composto, perchè è un pò troppo secco, potete aggiungere due cucchiai di latte. Regolate di sale e pepe e mettete in una sac a poche.
Per la pasta : setacciate le farine, fate una fontana. Al centro sgusciatevi l'uovo ed aggiungete l'olio e il sale. Impastate sino ad avere un composto omogeneo. Fate una palla e fatela riposare in frigorifero coperta con pellicola per 2 ore almeno.
Trascorso il tempo indicato, tirate sottilmente la sfoglia. Tagliate delle strisce rettangolari e farcitele al centro con il macco di fave. Ripiegate la pasta su sè stessa e sigillatela(come un lunghissimo tortello. Livellatela con la rotella dalla parte della sigillatura e poi arrotolatela morbidamente a forma di girella (tenendola in piedi con la parte sigillata in alto), premendo in qualche punto della parte dove c'è la sigillatura, per fermarla. Fate asciugare su un vassoio di cartone infarinato. Avrete delle bellissime rose di pasta ripiena.
Spadellate velocemente il guanciale tagliato a dadini in una padella senza grassi. Scolatelo e tenetelo da parte.
Per la salsa di formaggio : scaldate il latte in un padellino con il formaggio. Fatelo sciogliere, quindi frullatelo con il frullatore a immersione. Rimettetelo in padella e scioglietevi una nocina di burro. Insaporite con pepe nero e tenete da parte.
Lessate la pasta in abbondante acqua salata, scolatela e passatela in una padella con un filo di olio e.v.o. e un pizzico di buccia di limone. Versate a specchio nei piatti la salsa al formaggio calda. Sopra disponetevi la girandola di pasta e rifinite con il guanciale.

Commenti

  1. Complimentissimi una ricetta davvero raffinata...quasi quasi te ne rubo una...un bacio Luciana

    RispondiElimina
  2. Un piatto elegante , realizzato con ingredienti semplici! Bravissima, baci Manu.

    RispondiElimina
  3. Adoro le fave e questa tua ricetta è assolutamente da rifare. Bravissima.

    RispondiElimina
  4. Bellissimo questo mega tortello, complimenti!

    RispondiElimina
  5. Luciana : ruba liberamente !!!

    Manuela : anche la semplicità ha il suo fascino ... Grazie cara !!!

    Monella Golosa : sapessi quanto anche io .... grazie

    Betty : grazie .. hai ragione .. è un super mega tortellone !!!

    RispondiElimina
  6. Adoro il macco e con il guanciale e il pecorino poi... Peccaminoso, buonissimo!

    RispondiElimina
  7. Ciao! anche noi adoriamo le fave e, da quando le abbiamo scoperte (non da moltissimo), le utilizziamo davvero tanto!
    ottima questa pasta: scenografica e gustosa!
    bacioni

    RispondiElimina
  8. ciao!!! se passi da me trovi un premi per te!!! e complimenti per questa ricetta!

    RispondiElimina
  9. Cara, scusa, io sono un po' tarda: la striscia di pasta va sigillata da tutti e tre i lati aperti, ho capito bene? Per quanto tempo va lessata, all'incirca?

    RispondiElimina
  10. Si raggiungerebbe il top se a farle fossero i maschietti! Scherzi a parte, molto belle e gustose!

    RispondiElimina
  11. Alessandra : l'ho fatta completa direi !!! Grazie

    Manu e Silvia : e poi fanno anche così bene .. grazie tantissime

    Alem : ti ringrazio

    Vale : ti ringrazio. Passo per ringraziarti !!!

    Onde : si .. scusa .. in effetti non sono molto chiara .. ma ho fatto il possibile per spiegarmi nel miglior modo possibile .. anche se a volte la faccio più complicata di quello che è !! Comunque va chiusa in tutti e 3 i lati, così il ripieno non esce : l'apertura lunga (dove si sigilla subito) e poi le due piccole aperture laterali !! I tempi di cottura variano in base allo spessore della pasta, alla farina usata e a quanto la si fa seccare. Indicativamente ti direi 5 minuti (infatti il problema è che non si può asseggiare un pezzetto per sentire, così io ho usato la tecnica "scientifica" del tocco con mano - e relativa scottatura - però i tempi in effetti variano).

    Tania : ma quelli nel momento del bisogno scappano sempre ... grazie tantissime !!

    RispondiElimina

Posta un commento

La parola a Voi ...

Post più popolari