Semplicemente tigelle


E' la settimana delle preparazioni salate. Vogliate scusarmi, ma il lievito in casa chiama.
Ed io non posso fare a meno di sentirlo e rispondere.
Se poi sono preparazioni semplici e sufficientemente veloci come questa, che non richiede assolutamente la mano di un grande panificatore ed esperienze di pieghe... allora sono alla mia portata.
E lasciatevelo dire : alla portata davvero di tutti.
L'unico neo di questa preparazione è che richiederebbe l'uso della tigelliera.
Ma se proprio non l'avete, potete sostituirla con una padella antiaderente, inizialmente un pò unta così da scaldarla senza problemi. E poi asciugata con un foglio di carta assorbente prima di cuocervi le tigelle, prima da una parte e poi girandole dall'altra, facendo attenzione a non farle bruciare fuori (e cuocerle bene dentro, ma ci vuole davvero pochissimo tempo).
Il risultato è comunque buono. Ed otterrete ottime tigelle, pronte da tagliare e farcire nel modo in cui preferite.

Ingredienti per 2 persone : 250 gr. farina 0 - 20 gr. strutto - 1/4 panetto di lievito di birra - 1 cucchiaino raso zucchero semolato - 75 gr. circa di acqua tiepida - 50 gr. circa di latte tiepido - 5 gr. sale

Procedimento
Sciogliete il lievito con lo zucchero in 4 cucchiai di acqua tiepida. Lasciate riposare coperto con pellicola per 10-15 minuti. Fate una fontana con la farina, disponete tutt'intorno all'esterno il sale (praticamente fate una corona esterna). Versate al centro il composto di lievito. Unite lo strutto, l'acqua ed il latte tiepidi ed impastate sino ad ottenere un composto omogeneo, liscio e morbido. (Unite tanto liquido quanto ne occorre, la quantità varia in base al tipo di farina utilizzato). Impastate per 5-10 minuti. Fate una palla, mettetela in una zuppiera. Coprite con un telo umido e lasciate lievitare per 1/2 giornata (io ho fatto riposare in forno spento chiuso con dentro una tazza di acqua calda). Trascorso il tempo, tirate la pasta con il mattarello spessa circa 1/2 cm. e ritagliate dei dischi con un coppapasta. Fateli riposare ancora mezz'ora coperti con un telo prima di cuocerli.

Per il ripieno tipico : 100 gr. pancetta tesa - 1 cucchiaio di rosmarino - 1 spicchio di aglio
Tritate finemente al coltello la pancetta. Quindi unitevi il rosmarino tritato e mettete il composto in una ciotola strofinata di aglio. Coprite con pellicola e fate insaporire in frigorifero.

Oppure potete farcire nel modo che amo : stracchino, crudo e rucola ovviamente !!



Commenti

  1. che buone le tigelle, se sono davvero facili come dici non mi resta che provare...e rimandare ancora la dieta...ma la farò mai?
    Francesca

    RispondiElimina
  2. Mi invogli a provare ....
    Vada per la padella antiaderente :-)

    RispondiElimina
  3. Eccccallà Manu, mi hai dato l'ispirazione per la cena di stasera: mi impasto una piadina o qualche tigella.. mò vediamo! Le tue hanno una facciotta proprio cicciottina invitante!!! :o))) 'bundànsa d'acquolina!

    RispondiElimina
  4. mmm che buone le tigelle!e che veloci da preparare!un ottimo salva-cena!:)

    RispondiElimina
  5. Ciao sono davvero ottime complimenti....baci Luciana

    RispondiElimina
  6. Pancetta e rosmarino, forever!! Se le tigelle sono cosi' facili da fare, allora quasi quasi....
    Brava

    RispondiElimina
  7. Prorpio bellissime le tue tigelle ed una farcia davvero perfetta!
    bacioni

    RispondiElimina
  8. semplicemente tigelle!?
    semplicemente fantastiche!!
    no non ho la "tigelliera" ;P però mi accontento di una padellina, perché devo e voglio assolutamente provarle!

    RispondiElimina
  9. Francesca : c'è sempre tempo per le diete !!!

    Milena : io ho provato e vengono bene !!

    Alice : Meglio non lesinare, anche nella farcitura .. una volta che si fanno, tanto vale farle bene !!

    Cris : il tempo è solo nel riposo dell'impasto. La lavorazione è veramente rapidissima !!

    Luciana : ti ringrazio.

    Corrado : la cucina emiliana ha sempre delle perle d'oro ....

    Manu e Silvia : grazie ragazze !!

    Marsettina : a chi lo dici ...

    Manu : sarebbe bello avere sempre tutti gli strumenti di cucina. Ma quando si va su piatti regionali, molto spesso cerco di "arrabattarmi" anche io. Con un pò di buona volontà, si fanno miracoli !!!

    RispondiElimina
  10. In casa mia le tigelle, e magari qualche bocconcino di gnocco fritto, con ottimi saluti e formaggi fanno la gioia di grandi e piccini....davvero deliziose, d'accordo con te, con o senza tigelliera! baci, Paola

    RispondiElimina
  11. Paola : diciamocelo chiaramente - esiste qualcosa di più goloso ?? Anche per lo gnocco fritto .. non farmici pensare .. è un sacco che non lo preparo !!!

    RispondiElimina

Posta un commento

La parola a Voi ...

Post più popolari