Biscotti integrali alle noci e saba

E' da un pò di tempo che non "biscotto" sul blog. Ma questo non vuol dire che non lo faccia nella mia cucina (figuriamoci .. è più facile che io rimanga senza pasta, piuttosto che senza biscotti).
Ultimamente, ho provato più volte a farne di integrali, con frutta secca diversa, quantità varie di farina integrale ma non mi hanno mai convinto completamente... sino ad ora ...
Ho pensato di provare a farli usando la saba : mi si è aperta una finestra (il mondo mi sembra un pò eccessivo ....).
Li preparo da due settimane e mi convincono sempre di più.
Sono dolci, ma non eccessivamente; la farina integrale li rende rustici, rimanendo comunque molto piacevoli.
La saba li rende molto "rotondi" e gustosi.
E poi sono anche piuttosto croccanti, con pezzetti di noci qua e là .... questo non guasta mai !!

Ingredienti per una teglia : 100 gr. farina 00 - 80 gr. farina integrale - 85 gr. burro morbido - 1 uovo grande - 2 o 3 cucchiai saba - 50 gr. gherigli di noce - 20 gr. uvetta - 20 gr. mirtilli rossi secchi - 50 gr. zucchero di canna - 50 gr. zucchero semolato - 8 gr. lievito vanigliato - un pizzico di sale - zucchero a velo

Procedimento
Setacciate la farina con il lievito ed il sale.
Montate il burro, quindi sempre montando aggiungete lo zucchero semolato e quello di canna. Quindi incorporatevi l'uovo intero e poi la saba (usatene 2 o 3 cucchiai in base a quanto li volete dolci).
A questo punto, mescolando con una spatola o un cucchiaio, aggiungete la miscela di farina.
Per ultimo le noci tritate grossolanamente al coltello, i mirtilli, anch'essi tagliuzzati e l'uvetta (che avrete precedentemente ammollato in acqua calda), debitamente scolata e strizzata. Io li ho fatti anche con uvetta non ammollata, e devo dire che non cambia di molto.
Fate riposare il composto in frigorifero, coperto con pellicola per qualche ora (anche una notte).
Scaldate il forno a 180°. Ricoprite una teglia con carta forno. Prendete un pò di impasto e rotolatelo fra le mani ottenendo delle palline grandi come noci. Schiacciatele leggermente fra le mani e passatele nello zucchero a velo. Disponetele sulla teglia e procedete così sino ad esaurimento dell'impasto. Cuocete in forno caldo per 15-20 minuti. Quindi tirate fuori dal forno e fate raffreddare i biscotti su una gratella, prima di riporli in una scatola.

Commenti

  1. Devono essere proprio buoni... anche io adoro la frutta secca nei dolci e di noci da smaltire ne ho fin troppe! Li voglio provare.

    RispondiElimina
  2. beeeeellliiiiiiiiiiiiii!! uno tira l'altro! complimenti!

    RispondiElimina
  3. scusa l'ignoranza cos'è la saba e dove si trova??complimenti per i biscotti mi intrigano!

    RispondiElimina
  4. Mi vergogno a dirlo, ma nemmeno io so cosa sia la saba... Per il resto, mi convincono parecchio, mi piacciono i biscotti rustici, con le noci poi ancora di più!!
    Baci.

    RispondiElimina
  5. wow!!!ho trovatao un'amante dei biscotti come me??che bello..!!!!quando dico in giro, che preferisco 4 biscotti(specialmente quelli fatti in casa)ad un piatto di pasta,mi guardano un po' strano....^;^ complimenti!!!ah..scusa,l'euforia..non mi sono presentata..sono Elisabetta ;0))

    RispondiElimina
  6. Se non sono troppo dolci li provo volentieri.
    E la saba? Consigli su come approvvigionarla?
    CIAO

    RispondiElimina
  7. Belli! mi convincono proprio! ancora di più se sapessi cosa è la saba...ho provato a fare una ricerca in internet, possibile che sia il mosto cotto??? se si, fantastico!mia madre lo prepara tt gli anni e non sa mai che farsene...
    complimenti ancora!
    laura

    RispondiElimina
  8. Monica : allora sono un ottimo modo per terminare le noci !!!

    Federica : in effetti, è proprio così !!

    Marsettina : figurati. La saba è una sorta di sciroppo d'uva che si ottiene dal mosto cotto. Io la conosco come prodotto tipico dell'Emilia Romagna. Ogni tanto in qualche negozio di prodotti alimentari la si trova - pensa che io l'ho comperata in un enoteca in Umbria. In ogni caso, di solito i produttori di aceto balsamico producono anche la saba. Quindi chi ha questi tipo di aceto, può avere anche la saba.

    Danea : in effetti la saba non è molto conosciuta. Io la conosco perchè città come Modena e Reggio Emilia sono molto vicine.

    Elisabetta : benvenuta, è un piacere fare la tua conoscenza. Direi che noi due ci potremmo dare la mano, visto il nostro amore per "il lato dolce" della vita.... Grazie per essere passata !!!

    Corrado : allora ti consiglio di mettere due cucchiai, sono più che sufficienti. La saba la puoi trovare in qualche negozio di specialità o in qualche enoteca. Direi di provare ovunque abbiano aceto balsamico tradizionale. So che anche alcune acetaie lo vendono. Io, in compenso, come dicevo prima, l'ho comperata in una enoteca ad Orvieto quando ero in vacanza ... non c'entrava nulla con la località .. ma quando si trova qualcosa che si cerca, è sempre meglio approfittare !!

    Laura : si, la saba è un mosto cotto, quindi credo che quello di tua mamma sia assolutamente perfetto !!

    RispondiElimina
  9. Cariniiii, anche a me piaccioni da morire i biscotti, soprattutto quelli rustici e questa idea della saba è davvero originale! Complimenti, anche per il tuo blog bellissimo! ;-)

    RispondiElimina
  10. Blueberry : mi fa piacere che ci siamo capite al volo. Ti ringrazio per la tua visita ed il tuo sostegno, sei davvero molto gentile.

    RispondiElimina

Posta un commento

La parola a Voi ...

Post più popolari