Chocolate Bread di Lebovitz

Non so se avete notato anche voi oggi questa piacevolissima brezza calda che ci scalda le spalle quando camminiamo ... è così rilassante la sensazione del primo vento caldo che ci accarezza quando siamo all'aria aperta ...
Ed è così bello sentire nell'aria il profumo dell'estate ed immaginare già le ferie ....
Sarebbe bello se fosse realmente solo così ... in realtà poi mi ritrovo con il naso dolorante e terribilmente arrossato, gli occhi gonfi in modo quasi imbarazzante ed una montagna di fazzoletti da smaltire ....
Però poi basta un pastiglino per far passare tutto (o quasi) e rivedere di nuovo con occhi sognanti la stagione che arriva.
E allora vi domanderete cosa c'entra tutto questo con la ricetta che ho preparato ...
Ed io vi rispondo "Assolutamente nulla" !!
Sono certa che anche a qualcun'altro non sarà sfuggita questa ricetta di Lebovitz.
Ed io inizialmente l'avevo copiata per farla in autunno, ma poi non ho resistito.
Giusto per darmi un senso ed una giustificazione, mi sono detta che quel pane sarebbe stato proprio bene con le ciliegie speziate che volevo preparare ... ma ammetto che in fondo è stato solo un buon pretesto (è il caso di dirlo) per farlo.
E dopo aver preparato questo ottimo (e golosissimo) pane, non ho fatto altro che tagliarlo a fette e congelarlo.
Così ogni giorno posso scaldarmene una ... (anche se ieri erano tre .... ma intanto io non prendo mai il sole .. addio prova costume !!).
A parte gli scherzi, è ottimo da solo, o spalmato con confetture (tipo fragole o arance).
Io ho usato un pò meno cioccolato (circa 40 o 50 grammi in meno, che vanno suddivisi fra le due quantità che vanno aggiunte una in forma fusa e l'altra sotto forma di pezzi)... in fondo non siamo in inverno ....

Ingredienti per il pane : 180 ml latte tiepido - 1 busta lievito birra secco (7,5 gr.) - 75 gr. zucchero semolato - 55 gr. burro salato - 60 gr cioccolato fondente tritato al coltello (erano 85) - 1/2 cucchiaino caffè istantaneo - 1 uovo grande - 1/2 cucchiaino vanillina - 4 gr. di sale - 280 gr. farina manitoba - 30 gr. cacao amaro in polvere - 60 gr. cioccolato fondente tritato grossolanamente (erano sempre 90) - 25 gr. noci tritate grossolanamente - 25 gr. mandorle tostate e tritate grossolamente

Procedimento
In una grande ciotola, sciogliete il lievito nel latte tiepido con un cucchiaio di zucchero, e fate riposare coperto per 10-15 minuti, fino a quando si formeranno delle bolle in superficie.
Intanto, in una piccola casseruola, sciogliete a bagnomaria il burro con 60 gr. di cioccolato tritato al coltello (mescolate fino a quando otterreta una miscela omogenea). Togliete dal fuoco e fate intiepidire.
Al latte con il lievito aggiungete lo zucchero restante, il caffè solubile, l'uovo, la vaniglia e il sale.
Incorporate metà della farina (precedentemente setacciata con il cacao), mescolando per bene, con le fruste a gancio. Quindi aggiungete il mix di cioccolato e burro e finite con la farina restante. Sbattete ancora per 5 minuti con le fruste a gancio, sino ad ottenere un composto liscio, umido e appiccicoso.
Coprire la ciotola con pellicola e fatela riposare al tiepido per 2 ore. Imburrate uno stampo rettangolare da plumcake da 23 cm. di lunghezza.
Su un tagliere ben infarinato, impastate la pasta, usando una spatola, mescolando il cioccolato rimanente tritato con la frutta secca. Poi trasferite il composto nello stampo imburrato, sbattendo un pò per distribuire bene il composto. Fate riposare coperto per un'altra ora.
Quindi cuocete in forno caldo a 175° per 40 minuti circa. togliete dal forno, aspettate un attimo, sformatelo e fatelo raffreddare su una gratella.

Per le ciliegie invece potete fare così :
Ingredienti : 150 gr. ciliegie denocciolate - 15 gr. miele di lupinella (o di acacia) - 10 gr. burro - 50 gr. madera - sale - pepe nero
Procedimento
Sciogliete il burro in una padella. Aggiungetevi il miele e fatelo caramellare. Quindi unitevi le ciliegie e il madera. Fatelo evaporare e addensare la salsa (per pochi minuti, in modo da mantenere le ciliegie cotte ma croccanti). Alla fine insaporite con del pepe macinato.


Commenti

  1. Buonissima,questa la conoscevo,non l'ho mai fatta però,ti è venuto talmente bene che ti seguirei a ruota!!!Bacioni.

    RispondiElimina
  2. Bel pane, ma del resto di Lebovitz a Firenze direbbero: "Lebovìzze? E'unn'e' miha un bischero...".

    Pero' io sono andato FDT (fuori di testa) per le tue ciliege. Non so immaginare l'effetto del pepe nero.... Il Madera addensato e' un po' troppo dolce, forse? Ecchissenefrega, se di queste ciliege ne avessi un piatto lo farei fuori in un amen.
    BRAVA

    RispondiElimina
  3. gnam gnam....ma che meraviglia....e della prova costume....chissenefrega....andrò in montagna....certo è che questo pane devo provarlo!!!Un abbraccio. Paola

    RispondiElimina
  4. beh... manu... dici nulla? :-)
    strafantastico!
    baciotto
    b

    RispondiElimina
  5. E chi l'ha detto che per una scorpacciata di cioccolato occorre aspettare il freddo? Del resto, qui oggi il tempo è grigio e il morale a terra, la serotonina del cioccolato non può che farmi bene!

    RispondiElimina
  6. bellissimo, ha la consistenza di una torta! ottima scusa la tua!!!

    RispondiElimina
  7. Nitte : e come fa a passare inosservato un "pane" simile !!!

    Marsettina : grazie tantissime.

    Corrado : sono abbastanza dolci con il madera (ma non eccessivamente), con il pane (che invece non è dolcissimo) e magari un pò di ricotta .. è spettacolo !!! Il pepe dà quel pò di piccantino che con le ciliegie ci sta bene .. poi sono gusti .. ma il piccante sta bene quasi ovunque per me !!! Non faccio testo ....

    Paola : ottima idea .. condivido pienamente e farò lo stesso pure io !!!

    Barbara : basta che ci sia un pò di cioccolato ed io mi ci tuffo a pesce !!!

    Onde99 : non faccio appena in tempo a parlare di bel tempo che arriva un piccolo diluvio ... e questo pane è perfetto per queste occasioni ... che brutte queste nuvole !! Per non parlare dei tuoni e lampi ... sai che bello chiudersi in casa con qualcuna di queste fette ???

    Acquolina : in effetti chiamarlo pane è un pò riduttivo. La cosistenza è abbastanza morbida e ricorda un pò una torta, anche se è molto meno dolce. Grazie mille.

    RispondiElimina

Posta un commento

La parola a Voi ...

Post più popolari