Paccheri con calamari e gamberi

Ogni tanto devo fare qualche sforzo mentale per ricordarmi che non esistono solo spaghetti ed affini.
In effetti io ho davvero un debole per i formati lunghi, che siano spaghettoni, chiratte o tagliatelle.
In estate però la cucina marinara mi risveglia dal torpore e mi ricorda che con i sughi di pesce, che fanno tanto mediterraneo, qualche bel formato grande, magari da tagliare con la forchetta nel piatto, è davvero gustoso da mangiare.
Quindi per un attimo abbandono il "risucchio" ed oso : c'è qualcosa di più grande del pacchero ???? Ma che soddisfazione !!

Ingredienti per 2 persone : 150 gr. paccheri - 120 ml. salsa di pomodoro - 10 pomodorini freschi (tipo ciliegini) - 1 calamaro medio/grande - 6 gamberi - aglio - olio e.v.o. - sale - olio al basilico e limone - basilico - timo - brodo di pesce
Per l'olio al limone e basilico : 35 gr. olio e.v.o. - 3 foglie di basilico grandi - 2 grani di pepe nero - 2 pezzetti di buccia di limone - 1 spicchio d'aglio con la pelle, tagliato a metà

Procedimento
Per l'olio aromatico : scaldatelo in un piccolo pentolino su fuoco, facendolo solo fremere, con dentro tutti gli altri ingredienti. Versatelo subito in una tazza per farlo poi raffreddare, sempre con dentro tutti gli aromi. Quando è freddo coprite con pellicola trasparente e fate riposare per almeno mezza giornata (meglio se un giorno intero). Quindi togliete gli aromi el'olio è pronto da usare.
Pulite il calamaro (via la testa, le interiora e l'ossicino centrale), lavatelo, asciugatelo e tagliatelo ad anelli sottili. Togliete testa e carapace ai gamberi e privateli del filetto nero intestinale.
Per la salsa : strofinate di aglio una padella, versatevi un cucchiaio di olio, un rametto di basilico (con 3 o 4 foglie) e la la salsa e fatela un pò ridurre (cirxa 5 minuti). Al termine eliminate il basilico, regolate di sale e pepe (eventualmente un pizzico di zucchero, per regolare l'acidità). Lavate i pomodorini, tagliateli a metà e privateli dei semini, quindi tagliateli a pezzetti e fateli marinare per qualche ora con un filo di olio, sale, pepe, basilico spezzettato con le mani e timo sfogliato, in una ciotola strofinata di aglio, poi coprite con pellicola mettete in frigorifero a riposare.
Lessate la pasta in abbondante acqua salata a cui avrete aggiunto del brodo di pesce, così da darle più sapore (in questo modo cuocerete i paccheri in brodo di pesce "allungato").
Sbollentate per 1 minuto i gamberi in acqua bollente salata, scolateli. Fate lo stesso con i calamari, aggiungendo anche una fogliolina di alloro.
Scolate la pasta al dente e fatela saltare nella padella con la salsa di pomodoro, bagnando con qualche cucchiaio della sua acqua di cottura. Quindi unitevi il pesce ed i pomodorini.
Fate insaporire per qualche istante; insaporite con uno o due cucchiai di olio al basilico e limone e profumate con prezzemolo fresco tritato finemente.
Togliete subito dal fuoco e servite immediatamente, magari insaporendo con una macinata di pepe nero finale.

Commenti

  1. Bellissimi, vorrei averli fatti io :)))))))
    Non avrei cambiato niente, salvo l'olio al limone e basilico che io avrei ottenuto a freddo, aspettando una settimana. Ma cosi' e' piu' svelto.
    E i paccheri, belli ma un po' troppo cotti per i gusti di noi sudisti... :)))
    Pasta piu' grande? Domani mattina presto pubblico dei pennoni (grandi, mostruosi). Dacci un occhio :)
    Chiudo con i miei piu' vigorosi complimenti: BRAVAAAAA!!!

    RispondiElimina
  2. Sempre io: ho finito di mangiare da non molto, ma guardando la foto ne vorrei un piatto!!!
    (ingrassare? non e' il mangiare, e' il rimangiare).
    Brava brava brava :)

    RispondiElimina
  3. I paccheri sono un formato di pasta che si adatta perfettamente ai condimenti a base di pesce. Per quanto tu ami i formati lunghi, ci sa che qui hai fatto la scelta migliore!
    Un sughetto decisamente stuzzicante e gustoso.
    baci baci

    RispondiElimina
  4. paccheri e gamberi... mi ricorda qualcosa.... se riesci, prendi il numero di agosto di A TAVOLA :-) scoprirai di cosa parlo.
    grande manu!
    ciao

    RispondiElimina
  5. Corrado : ho già visionato i tuoi grossissimi pennoni, nulla da dire .. forse sono più grandi dei miei piccoli paccheri !!! Hai ragione, prolungando l'insaporimento si può evitare di scaldare l'olio .. ma che ci vuoi fare, il tempo è tiranno anche per me !! Comunque anche io evito di surriscaldare troppo l'olio, per non perdere il suo sapore. La prima volta che ho fatto un olio aromatizzato, l'ho fatto pure io a freddo, solo che l'ho lasciato in infusione solo per una giornata, quindi non aveva preso nulla .. da allora mi sono votata a una piccola scaldatina. Ma con le giuste previsioni, proverò a fare anche come dici tu !! Per la cottura della pasta, non nego che a me piace cotta : non mi piace sentire l'anima sotto i denti, quindi di solito preferisco paste più spesse così da avere la giusta consistenza a cottura .. ovviamente in base ai miei gusti .. sui tempi di cottura della pasta si potrebbero avviare infinite discussioni, perchè ad ognuno piace cotta in modo diverso. Anche io in casa devo sempre un pò lottare, mio marito la preferisce più "croccante", a me piace più morbida .... in ogni caso i paccheri che ho cucinato erano meno spessi di quelli che faccio normalmente, volevo provare una marca diversa ... ma non mi hanno entusiasmato particolarmente !!! Dicono di non lasciare mai la strada vecchia per quella nuova, ma se non si sperimenta, non si può conoscere !!!

    Manu e Silvia : avete ragione, con il pesce .. è la loro morte !!! Grazie tantissime.

    Babs : come si dice ... bolle una tua ricetta in pentola !!! Lo prendo di sucuro !!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

La parola a Voi ...

Post più popolari