Resoconto Degustibooks ... e un risotto per rinforzarsi

Eccomi di ritorno dalla mia trasferta fiorentina.
Che dire .... è stata un'esperienza bellissima, piena di emozione, divertimento, attimi di puro "terrore" ma anche allegria !!! E poi libri, cultura, cibo, tutto in modo molto diretto e spontaneo.
La disfida con Giulia non l'ho vinta, ma mi consolo con l'enorme soddisfazione di averla fatta, e di essere riuscita a stare sul quel palco senza gambe tremanti e mestoli volanti.
E poi che bello conoscere di persona gli altri food-blogger, e dare così loro una voce, un'espressione ed un sorriso vero !!!
Dopo tutto questo, tornare nella mia piccola cucina mi ha fatto uno strano effetto : così familiare, tranquilla, intima e rassicurante ... una piacevolissima sensazione. E tutto molto più semplice ... naturale.

Non vi tedierò con il racconto delle mie ansie pre-partenza ... vi dico solo che mi sono portata il pestello da casa ..
Poi cucinare in diretta in pubblico è stato .... stimolante ... ho avuto i miei attimi di panico, ma ho cercato di stare calma (per quello che potevo) in fondo era la prima volta in assoluto !!!
Ma con il sostegno di Roberta Deiana, di Chiara e di Alessandro Salamone è andato tutto bene.
E' un'esperienza che consiglio a tutti ... in barba alla paura !!!

Eccomi alle prese con la mia ricetta : Pennette con cavolfiore, salamella e cumino .

E le foto finali, anche con gli altri food-blogger.

Dopo tutto questo .... il mimino che mi poteva venire era una bella influenza con tanto di mal di gola, tosse, raffreddore ... ah ... che non abbia il fisico per fare certe cose ????

Per riprendersi, nulla di meglio di un bel risottino (e nonostante la mia inappetenza non ne ho lasciato nemmeno un grano).

Risotto con topinambour al profumo di tartufo



Ingredienti per 2 persone : 200 gr. riso Carnaroli -1/2 cipolla bionda - 350 gr. topinambour - 2 filetti acciuga sottolio - brodo vegetale - 2 cucchiai parmigiano reggiano grattugiato - 2 cucchiaini olio al tartufo bianco (o la punta di un cucchiaino di pasta di tartufo) - olio e.v.o. - burro - sale - pepe nero

Procedimento
Tritate finemente la cipolla e rosolatela molto dolcemente con un filo di olio e.v.o. in una padella antiaderente.
Quindi unitevi i tipinambour, pelati e tagliati a cubetti (mentre li pulite e tagliate, teneteli in ammollo in acqua fredda per non farli annerire).
Cuoceteli per circa 5 minuti, bagnandoli con qualche cucchiaio di brodo caldo. Regolate di sale, quindi toglieteli dal fuoco.
Fate scaldare una pentola con un filo di olio e.v.o. tostatevi il riso, quindi unite i topinambour con la cipolla.
Mescolate per far insaporire e e poi bagnate con un mestolo di brodo bollente (già salato). Cuocete per circa 16-18 minuti, bagnando con il brodo.
Nel frattempo, in un altro pentolino, sciogliete le due acciughe con uno o due cucchiai di brodo.
Unitele al riso pochi minuti prima del termine della cottura. Regolate di sapore, pepate, unite i due cucchiai di olio al tartufo.
Spegnete il fuoco e mantecate con il parmigiano ed una piccola noce di burro. Coprite e fate riposare per 3 minuti prima di servire.



Commenti

  1. ...complimentissimiiiiiii :) Manu, tesoro ma sei very professional nelle foto :D che bella esperienza, mi fa piacere che sia andato tutto bene (e spero la mia mail pre-impresa ti sia arrivata :) ) ...hai visto che le gambe non hanno tremato tanto??sono felicissima :) unica pecca il raffreddore...però sono sicura che questo risotto l'ha placato per un po'...mi sembra mooolto meglio dei vari antinfluenzali!!un bacione enorme! :)

    RispondiElimina
  2. Sei brava e bella e molto comunicativa, dolce Manu ...
    Complimenti sinceri :D

    RispondiElimina
  3. Ciao carissima..appena arrivata tra i foodblogger...ed eccomi qui tra i tuoi "follower"...esegui ricette fantastiche e fai foto stupende, ciao

    RispondiElimina
  4. Dev'essere stata una bellissima esperienza =)

    RispondiElimina
  5. manu ma sei bellissimaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!! e brava e grande!!! accidenti :) un mare di abbracci tutti per te!

    RispondiElimina
  6. Pero' devi ammettere che le foto piu' belle te le ho fatte io....

    Sei stata bravissima, pur con tutte le difficolta'. Ho sofferto per te vedendo l'acqua che non bolliva e l'impossibilita' di usare due fornelli contemporaneamente.
    Sono molto amico della Rossa, ma devo dire che avrei scelto la tua ricetta.
    Vabbe' che poi era solo un'occasione per stare insieme e divertirsi: BRAVA, BRAVA, BRAVA

    RispondiElimina
  7. Marzia : fortunatamente nelle foto non si vede il terrore negli occhi ... sembro pure dignitosa .... ti ho risposto via mail, è un piacere scriversi con te !!!!

    Milena : grazie ... ho fatto quello che potevo, ansia permettendo !!!!

    EliFla : piacerissimo di conoscerti, lo dico sempre : non siamo mai abbastanza !! Non si faranno mai abbastanza piatti buoni e golosi .... c'è sempre bisogno di carne al fuoco !!!!

    Cey : io mi sono divertita troppo. E' una di quelle cose che rifarei subito !!!

    Babs : grazie, ma tu sei sempre troppo lusinghiera ..... guarda che poi finisco per crederci !!!! Scherzi a parte, grazie tantissime !! Quelli che erano con me hanno fatto un servizio fotografico "consistente" !!!

    RispondiElimina
  8. Corrado : hai assolutamente ragione. Alla fine sono partita con l'idea di divertirmi, e così è stato !! Ma quando mi ricapita !!! E poi non sono di certo la chef di un ristorante tristellato ... o di un qualsiasi ristorante. Era un occasione per spignattare ed incontrare altri blogger, e così è stato !!! Giornata memorabile !!!! E ti ringrazio ancora, TANTISSIMO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Meno male che ti eri portata il pestello, vista la mega attrezzatura che vi hanno messo a disposizione...
    Comunque riconfermo che la pasta era buonissima e molto superiore ai biscotti.

    RispondiElimina
  10. perladarsella : grazie grazie grazie !!! Mi rincuori sul serio .. non sai quanto temevo la figuraccia .... che è sempre dietro l'angolo !! E poi con l'ustione di bocca che mi sono procurata con il cavolfiore bollente (credo si sia notato .. non ho sofferto completamente in silenzio) ho perso anche quel pò di sensibilità che mi rimaneva !!!! Ti dico solo che quando i giudici hanno assiaggiato il mio piatto, e poi anche le persone, non ho avuto il coraggio di guardare le espressioni !!!! Quindi mi rincuori, non sai quanto !!!!!

    RispondiElimina
  11. L'ho visto, sì, che ti eri bruciata.
    E che la pasta era buona te l'avevo detto di persona, venendo a complimentarmi alla fine (son quella che ti ha fatto tutte quelle domande sulle salamelle).

    RispondiElimina
  12. perladarsella : allora eri tu !! Ne avevo un vago sospetto e sentore !! Nonostante il mezzo tecnologico si riescono a trasmettere le sensazioni !!! Non sai quanto mi hanno fatto piacere le tue domande (se non fossi stata chiara, domanda pure, perchè sono qui anche per questo). E quanta energia ed entusiasmo avevi .. sarà che io ero stordita da tutto .. a mala pena mi rendevo conto di quello che facevo !!!! Però è andata dai ...

    RispondiElimina
  13. Ma sì che è andata, e anche bene!
    Comunque, prossimamente proverò a fare questa pasta ma una domanda ce l'ho già: siccome in casa ho il cumino in polvere, secondo te può andare o ci vuole proprio quello in semi (che comunque ho intenzione di comprare)?
    Però già stasera, stuzzicata dall'abbinamento cumino-cavolfiore, ho spolverizzato una semplice padellata di cavolfiore e porro e ci stava davvero bene!
    Anche se il mio sogno segreto è quella mousse di amaretti ingabbiata nel cioccolato...

    RispondiElimina
  14. perladarsella : se usi il cumino in polvere, è meglio usarne meno, perchè per me è un pò più intenso. Io mi regolo meglio con i semini, così posso decidere io l'intensità dell'aroma. Hai fatto benissimi a profumare la padellata : la prima volta che io ho provato l'abbinamento ho fatto una sorta di sformatino con cavolfiore, patate (passate), salsiccia e cumino. Ho messo poche uova (ed il cavolfiore era troppo umido, visto che l'avevo frullato con un pò della sua acqua di cottura), quindi è uscito un pò morbido (sformandolo non è rimasto in forma). Ma il gusto era decisamente buono.
    Riguardo a sogni nascosti, stai parlando con una persona che ti capisce benissimo. Il cioccolato è la mia delizia e sarà la mia condanna ... e dopo la prima gabbia di cioccolato, ne ho fatte a ripetizione !!! E comunque a me piace davvero in ogni forma ... sono terribile !!!!

    RispondiElimina
  15. ciao! mi è dispiaciuto tantissimo che tu non abbia vinto, la tua pasta era spettacolare!!!

    un abbraccio!

    Anna Rita - Marble

    RispondiElimina
  16. Ciao Manuela, volevo farti i complimenti dopo aver assaggiato le tue pennette: buonissime !! ;-))

    RispondiElimina
  17. la cucina di marble : grazie mille Anna Rita, mi ha fatto piacere poter parlare con te. La confusione mentale che avevo in quel momento non mi ha permesso di approfondire la conoscenza e le chiacchiere, almeno non quanto mi sarebbe piaciuto, ma a questo si può recuperare !!! Sei stata davvero gentilissima.

    Carola : grazie mille. Ho avuto un pò di ansia nei due giorni successivi, domandandomi nella confusione che cosa potevo aver combinato ... in fondo quel che è fatto .. è fatto. Ma grazie, le tue parole mi tranquillizzano sul serio !!!

    RispondiElimina

Posta un commento

La parola a Voi ...

Post più popolari