Riso e vongole alla giapponese - Asari gohan


Quando mi appriocco alla cucina giapponese mi sento come un elefante che deve bere da un bicchiere di cristallo.
Io sono l'elefante, e  la cucina giapponese è il bicchiere di cristallo... il rischio di frantumamento di intenti è molto alto !!
L'estetica essenziale, la pulizia e la geometria dei sapori si scontrano inesorabilmente contro il mio "ma va bene lo stesso ... è quasi uguale" ...
Però mi piace provare :  a volte mi dico "Ho fatto bene, guarda che bella scoperta !!" , molto più spesso "Sarebbe meglio che tornassi a fare il mio riso alla pilota".
E così, a giorni alterni, passo dal preparare a pranzo per mio marito la pizza delle Simili, ed il giorno dopo un piatto di onigiri.
E' come quando viaggi molto e dormi spesso in hotel. Alla fine ti capita di svegliarti e domandarti dove sei ... in cucina è la stessa cosa : ogni giorno mi domando dove sono. E chissà dove andrò ....
Per il momento so solo che sabato sarò al Vinitaly per preparare il mio risotto per la degustazione di vini Lison. Non vedo l'ora !!!

Ingredienti per 2 persone : 160 gr. riso (l'ideale sarebbe un riso giapponese, ma  si può provare ad usare anche Vialone Nano o riso Originario) - 400 gr. vongole (200 gr. andranno usate senza guscio e 200 gr. serviranno per decorazioni con il guscio) - 5 cm. di porro (solo la parte bianca) - 1 cucchiaio salsa di soia - 1 cucchiaio di sakè - 1/2 foglio di alga nori - 3 o 4 asparagi (solo le punte) - 250 gr. acqua (possibilmente minerale naturale)

Procedimento
Fate aprire le vongole in una padella. Quando si saranno aperte, ricavate i frutti da metà vongole (le altre lasciatele aperte, ma con il guscio).
Filtrate la loro acqua.
Affettate sottilmente il porro.
Marinatelo per 10 minuti con le vongole sgusciate e una miscela di salsa di soia e sake'.
Lavate abbondantemente il riso (sino a quando l'acqua di lavaggio sarà quasi trasparente), quindi lasciatelo scolare per un'ora.
Versate il riso in una pentola, con l'acqua minerale naturale e quella emessa dalle vongole (io ho aggiunto anche un pizzico di sale).
Portate a bollore, quindi unitevi le vongole, il porro e tutto il loro condimento.
Cuocete coperto e a fuoco basso per 15 minuti. Quindi spegnete, togliete dal fuoco e fate riposare per altri 15 minuti.
Sbollentate velocemente le punte di asparago (2 minuti) in acqua bollente salata, e poi raffreddatele subito in acqua fredda, così da mantenere il colore. Poi tamponatele per asciugarle e tagliatele a metà.
Trascorso il tempo di riposo del riso, mescolatelo delicatamente, in modo da non pressarlo, usando un mestolo di legno bagnato (così non si attacca il riso).
Servite in ciotole individuali, decorando con pezzetti di alga nori (precedentemente tostata dalla parte lucida e poi tagliata sottilmente) e con le punte di asparago.
Rifinite con le vongole intere con il guscio (io le ho riscaldate in padella per qualche minuto con un goccio di acqua) e poi servite.

Commenti

  1. La cucina giappo non mi entusiasma, ma tu hai fatto un bellissimo piatto!!!!
    Complimenti per Verona!!! Un filino di ansia?

    RispondiElimina
  2. bellissimo questo piatto, presentazione impeccabile, elegante e semplice!

    RispondiElimina
  3. Corrado : la cucina giapponese è tutto un altro modo di concepire la cucina. Ma mi piace la sfida di provare a farla, poi posso capire che possa non piacere. Diciamo che ad una cena a casa mia, non la proporrei ai miei ospiti .. andrei un pò più sul tradizionale. Anche perchè, come dici tu, deve piacere, e non tutti la gradiscono. E poi bisogna farci un pò l'abitudine. Per Verona, al momento mantengo un profilo di incoscienza, fino a sabato non ci penso ... poi attacco di panico !!

    RispondiElimina
  4. leorcherhotel : hai ragione. certi piatti giapponesi sono quasi disarmanti per la pulizia del sapore. Io faccio un pò fatica ad approcciarmi, mi definisco un pò più barocca. Però devo dire che in questo modo si apprezzano tantissimo i sapori e la loro eleganza.

    RispondiElimina
  5. che delizia!!e davvero un'ottima presentazione :) complimenti

    RispondiElimina
  6. Che bella ricettina orientaleggiante...:) Complimenti! Presentazione perfetta ed elegante. Bravissima:) Bacioni

    RispondiElimina
  7. molto carina la presentazione del piatto così come penso un sapore gustoso, davvero delizioso!

    RispondiElimina
  8. Lady B. : grazie tantissime.

    Alessia : la cucina orientale mi affascina tantissimo. Grazie.

    sulemaniche : è un piatto fine ed elegante. A noi è piacuto molto. Grazie tantissime.

    RispondiElimina

Posta un commento

La parola a Voi ...

Post più popolari